Monteriggioni - 25km


Il borgo dalle mura circolari

Monteriggioni occupa la sommità di una dolce collina dalle pendici coltivate a vigne e olivi. Questo piccolo borgo dalla singolare cerchia muraria circolare venne fondato nel secondo decennio del Duecento dalla Repubblica di Siena, con il principale scopo di creare un avamposto difensivo contro la rivale Firenze. Per secoli l’insediamento svolse in pieno la funzione per cui era stato creato, respingendo di volta in volta una miriade di assedi e attacchi.

Il prestigio e la particolarità di questo borgo godono però di una fama particolare per la citazione che il sommo poeata Dante Alighieri riporta nella sua opera pià famosa letteraria, la Divina Commedia, paragonando le austere torri incastonate nelle mura di Monteriggioni, ai giganti dell'inferno: « però che, come in su la cerchia tonda Monteriggion di torri si corona, così la proda che 'l pozzo circonda, torregiavan di mezza la persona li orribili giganti, cui minaccia Giove del cielo ancora quando tona » Dante Alighieri, Inferno, canto XXXI